SENTIERO DEL CARSO BRESCIANO

Logo Sentiero Carsico DEF_4-page-001

Il Sentiero del Carso Bresciano è un anello di 66 km e 500 mt che attraversa il territorio di dieci comuni, lungo tutta la loro fascia collinare, costituita da rocce sedimentarie calcaree di antica origine oceanica.

Essi sono: Rezzato, Botticino; Serle, Vallio Terme, Gavardo, Prevalle, Paitone, Nuvolento, Nuvolera e Mazzano.

La partenza e l’arrivo del percorso è nello storico Parco di Bacco a Rezzato, sede dell’Associazione Naturalmente ideatrice del sentiero, ma sono previsti accessi ed uscite per ognuno dei tratti comunali interessati dal sentiero.

Il percorso è già interamente segnato a terra con i segnavia bianco – rossi del CAI con il numero 530, è in buona misura agevole e adatto a famiglie con bambini, con presenza di rifugi dei Gruppi Alpini e spazi di sosta.

E’ facilmente raggiungibile dai luoghi abitati, consente una scelta personale dei tratti da percorrere.

Rispetto alle zone montane conosciute nella provincia di Brescia il paesaggio risulta inedito e insolito. Offre fenomeni carsici di rara meraviglia, sia sull’altopiano di Cariadeghe che scendendo verso la pianura:

cavità, inghiottitoi, grotte, doline e campi solcati, strati di rocce lavorati da millenni dall’acqua, che si nasconde nel sottosuolo per emergere sotto forma di sorgive.

Questo paesaggio è anche memoria del lavoro dell’uomo, nel bosco e nella pietra, della semplice e sapiente arte rintracciabile in chiesette, monasteri e santuari, in vecchi borghi, cascine e fienili, di una cultura collegata alla vita quotidiana che è bene ritrovare camminando.

Nella alternanza di boschi e di zone più aride la vegetazione è ricca di alberi e arbusti, dai grandi faggi e castagni, ai carpini e agli ornielli, con eriche felci, pungitopo , ginepri e coronille, noccioli e rose selvatiche.

Convivono in modo unico e straordinario con le specie mediterranee del ligustro, del terebinto e dello scotano, dell’erica arborea e delle eleganti orchidee.

Gli animali sono ben presenti: innumerevoli specie di insetti popolano questi ambienti, insieme ai rettili e ai sauri , come il biacco, il saettone, la vipera e il ramarro . Tra gli anfibi la salamandra e il rospo smeraldino . Tantissime sono le specie di uccelli tra le quali il rigogolo e il cuculo e tra i rapaci il gheppio e lo sparviero, mentre il cielo crepuscolare e notturno si popola di civette e allocchi, gufi comuni e il gufo reale.

Tra i mammiferi notturni vivono il pipistrello nano e la nottola, ma ricordiamo la presenza del toporagno, dello scoiattolo e del ghiro , della donnola, del tasso e della volpe. Segnaliamo anche la presenza del cinghiale.

Questo sentiero si trova a pochi km dal Lago di Garda, può essere facilmente raggiunto da chi vuole passare del tempo da solo o in compagnia, in modo bello e diverso.